Gruppo Next - Nextcom - Milano - Comunicazione, Media, Marketing, Pubblicità, Campagne Pubblicitarie - News

L’avvento delle tecnologie sta cambiando la vita di tutti i giorni

L’avvento delle tecnologie sta cambiando la vita di tutti i giorni. Anche il mondo del lavoro ha subito cambiamenti radicali in seguito allo sviluppo di nuovi sistemi di comunicazione e di produzione che richiedono nuove professioni dedicate.

Professioni: le opportunità

Quando si è alla ricerca di un impiego, perciò, l’importante è sfruttare le opportunità offerte dalle tecnologie per avviare una carriera redditizia e duratura. Seguire la trasformazione digitale è la chiave per rimanere al passo con i tempi.

Opportunità di formazione

Come entrare a far parte di questo settore? Una strada è quella di conseguire una laurea in informatica, economia o in qualsiasi altro settore che abbia a che vedere con il mondo digitale, con la gestione di grandi quantità di dati e che dia una formazione che punti a sviluppare le capacità di problem solving e le soft skills.

Corsi intensivi online

Una validissima alternativa, invece, è quella di seguire dei corsi intensivi online, come ad esempio i corsi proposti da Aulab, che possono essere seguiti da chiunque, anche partendo da zero, e che servono a formare in breve tempo delle figure professionali, come web developer, pronte per essere inserite nel mondo del lavoro.

Competenze necessarie

Una volta acquisite delle conoscenze base, bisogna pensare ad una possibile carriera. Il fatto è che, come in qualsiasi altro ambito, bisogna darsi da fare, e probabilmente ci sono migliaia e migliaia di persone là fuori con le stesse competenze. Un punto importante da capire per chi vuole lavorare nel mondo delle tecnologie informatiche è che bisogna tenersi sempre al passo con i continui cambiamenti.

Aggiornamenti

Seguire corsi di aggiornamento e aumentare le proprie conoscenze, dunque, diventa il punto di forza per chi vuole farsi distinguere dagli altri.

Le professioni più richieste

Quando ci si affaccia al mondo del lavoro, bisogna iniziare a capire quali sono le professioni più richieste, e una volta fatto questo, l’importante è muoversi nella direzione che sembra più adatta alle proprie esigenze. Negli ultimi tempi il mercato si sta orientando verso alcune figure in particolare:

  • Sviluppatore: il tecnico che in genere produce applicazioni o sistemi software;
  • Programmatore: la figura che tra le varie mansioni si occupa anche di codificare un algoritmo per risolvere un problema nel codice sorgente di un software da far eseguire ad un elaboratore;
  • Cybersecurity expert: la persona che si occupa della sicurezza informatica ed evita che potenziali minacce possano danneggiare intere banche dati;
  • Innovation manager: un professionista che aiuta le aziende nel processo di digitalizzazione o conversione digitale, innovando i processi interni e aumentando la competitività sul mercato;
  • Data scientist: la figura che si occupa di analizzare enormi quantità di dati per capire quali siano le tendenze e le opportunità per le aziende, ma anche per scoprire i loro punti deboli.Un data scientist va solitamente ad indagare sui bisogni, sulle motivazioni e sui comportamenti dei consumatori, per trovare una soluzione che miri alla soddisfazione del cliente e porti all’aumento dei guadagni dell’azienda;
  • Docial media manager: la persona che si occupa di gestire le piattaforme social per far sì che il marchio dell’azienda venga riconosciuto e riesca a raggiungere il maggior numero di persone possibile;
  • UX designer (user experience designer): il tecnico che progetta la struttura logica di un sito o di un’applicazione, in altre parole ha a che vedere con lo sviluppo front-end;
  • UI designer (user interface designer):la figura che si occupa di disegnare fisicamente le interfacce di utilizzo di un prodotto, tenendo conto del target del sito o dell’applicazione sui quali sta lavorando, per garantire un’esperienza migliore per tutti gli utenti.

Fonte: newslinet.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× WhatsApp